Scelto il nuovo aereo delle Frecce Tricolori

alenia_m-345

Ieri si è conclusa la stagione 2013 delle Frecce Tricolori e a margine dell’esibizione è arrivata una notizia che era nell’aria ma che doveva essere confermata: è stato scelto il sostituto dell’Aermacchi Mb.339 che attualmente equipaggia la Pattuglia Acrobatica Nazionale.

L’MB.339, aeromobile usato per l’addestramento dalla nostra Aeronautica sarà sostituito nelle fila dell’Arma Azzurra da due tipi di velivoli, il M.346, suo naturale successore, e dal M.345, versione ammodernata del M.311, già S.211, addestratore “low-cost” che ha avuto scarso successo nell’esportazione e che ora viene riproposto al mercato, forte anche dall’appoggio che l’AMI ha dato al progetto ordinandone alcuni esemplari.

Ebbene, la PAN, sarà dotata proprio di questo velivolo.  Il ministro della Difesa, On. Mario Mauro, ha infatti dichiarato che ” l’Aermacchi MB-339 in dotazione alle ‘Frecce Tricolori’ sarà sostituito entro il 2017 dal nuovo M-345 HET , che consentirà alla nostra Pattuglia di continuare a fare meraviglie in giro per il mondo”.

Qualche perplessità però emerge perché dati alla mano il “nuovo” M-345 sembra avere prestazioni inferiori al velivolo che deve sostituire, tra le quali un rateo di salita più basso, caratteristica che, non c’è bisogno di sottolinearlo, è molto importante quando si parla di acrobazia.

Il timore è che la scelta del nuovo velivolo sia stata dettata da motivi promozionali, più che da ragioni tecniche. Il prestigio delle Frecce Tricolori dovrebbe fare da traino per un velivolo che non ha in passato sfondato nel mercato e che oggi, riproposto, vorrebbe ritagliarsi uno spazio magari in quelle forze aeree dei paesi emergenti che non hanno budget stratosferici.

Il problema più pratico è che però, con un velivolo dalle prestazioni modeste, si rischia di veder un programma acrobatico delle Frecce rivisto al ribasso e che porterebbe ad un allineamento rispetto a quelli che propongono le pattuglie acrobatiche “concorrenti”, Red Arrows e Patrouille de France su tutte.

Solo l’entrata in linea del velivolo ci dirà se questi timori sono fondati o meno. L’auspicio è che, per l’ennesima volta, la nostra Aeronautica non sia  sacrificata sull’altare della ragion di Stato.

One Comment

  1. Pingback: Ecco l'M.345 in livrea PAN | Cose con le ali

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*