MOL: Ryanair è interessata alla flotta AZ

Questo è l’articolo apparso oggi su La Stampa. Bisogna però sottolineare che:

  1. le interviste a MOL lasciano sempre un pò il tempo che trovano.
  2. Ryanair ha provato ad acquisire AerLingus ed Air Berlin ma in nessuno dei casi le trattative sono andate in porto
  3. la flotta di proprietà di Alitalia (esclusi i velivoli in leasing) conta pochissimi aerei
  4. siamo in una fase confusa e dove i vari acquirenti non scoprono le carte
  5. le interviste a MOL lasciano sempre un pò il tempo che trovano. (lo ripeto, perché il suo obiettivo – e questo riesce sempre ad ottenerlo- è far parlare di Ryanair)

«Per Alitalia è probabile uno spezzatino». Lo ha detto l’amministratore delegato di Ryanair, Michael O’Leary, in una conferenza stampa a Londra, aggiungendo che loro sono interessati «alla flotta» di Alitalia. Lo riferisce Bloomberg. La compagnia low cost irlandese, come anticipato dalla Stampa, è una delle aziende più attive sul dossier Alitalia.

Avrebbe fatto invece un passo indietro per l’acquisto di Air Berlin, la seconda compagnia tedesca. «Ryanair terrà la maggior parte del personale Alitalia, in particolare piloti ed ingegneri, se la sua offerta verrà accettata», ha aggiunto l’amministratore delegato, spiegando che «sarà mantenuto anche il marchio Alitalia».

L’ex compagnia di bandiera, in amministrazione straordinaria, è impegnata ora nella procedura di vendita. Secondo quanto previsto dal bando dei tre commissari straordinari (approvato dal ministero dello Sviluppo) è possibile acquistare l’azienda tutta intera oppure è prevista la divisione del gruppo in due parti con da un lato la parte «aviation» (aerei, flotta, direzione e manutenzione) e dall’altra la parte handling, che si occupa del carico e scarico merci e dell’assistenza a terra ai passeggeri.

È difficile dunque – secondo quanto previsto dal presente bando – che Ryanair possa acquistare soltanto la flotta: la gara pubblica infatti non lo permetterebbe. Oltre a Ryanair, in questa corsa sono fortemente impegnate anche Lufthansa e Easyjet, che guarderebbero esclusivamente alla parte «aviation». Anche l’ex azionista di Alitalia, Etihad, è in corsa, insieme ad alcuni fondi di investimento. “

Licenza Creative Commons

 

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*