La sfida tra l’Airbus A350 e il Boeing 777X

Anticipazione del Boeing 777X con i colori di Swiss, compagnia controllata dalla tedesca Lufthansa
Anticipazione del Boeing 777X con i colori di Swiss, compagnia controllata dalla tedesca Lufthansa

Mentre il 787 sembra essere vicino alla fine del suo calvario, il montaggio del primo Airbus A350 è quasi completato con la recente installazione dei motori, e il costruttore si aspetta che il primo volo dovrebbe avvenire entro la metà dell’anno, anche se pare difficile che l’aereo venga presentato al Salone del Bourget.

“E ‘possibile, ma non probabile. Quello che conta è che voli entro la metà  dell’anno, perché vengano rispettati i tempi per le prime consegne che avverranno nel 2014” ha dichiarato Fabrice Brégier, AD di Airbus.

Brégier ha poi definito “una bella tigre di carta” il Boeing 777X, sul quale non si hanno, al momento, dettagli. Airbus è infatti convinta di poterla fare da padroni in questo settore grazie all’A350-1000 che avrà la stessa capacità del bireattore di Seattle consumando però il 25% in meno.

In realtà, aggiungo io, la partita non è affatto chiusa perché sono in ballo molti ordini da compagnie importanti che potrebbero modificare di molto i rapporti di forza.

Solo per fare due nomi: British Airways, che attualmente opera la flotta più numerosa di 747 dovrà mettere in cantiere la loro sostituzione. Una parte saranno sostituiti dall’A380, ma gli altri dovranno essere sostituiti da uno tra 777X e A350. A tal riguardo sembra che una decisione sia prossima dall’essere presa.

L’altro player di peso è Lufthansa che deve mettere in cantiere di sostituire anch’essa i 747 più vecchi e gli A340-600. La compagnia teutonica sembrava orientata verso l’A350 ma proprio di recente ha acquistato alcuni 777X per la sua controllata elvetica Swiss, disorientando chi pensava la compagnia tedesca già pronta ad acquistare gli aerei made in Europe.

E questo solo per fermarsi alla vecchia Europa, mentre nel resto del mondo, Medio ed estremo oriente in primis la partita è ancora più aperta.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*