La grande ritirata

Alitalia ha deciso di chiudere l’esperimento AirOne (era stata la prima tra le major europee a lanciare una filiale low-cost) e di chiudersi a riccio su Fiumicino.

Numerose rotte vengono tagliate ed uno degli esempi più lampanti è il caso di Torino, base Airbus di Alitalia, dove a partire dal 1 ottobre vengono chiuse tutte le rotte attualmente operate (Palermo, Catania, Bari, Lamezia Terme, Napoli, Alghero) con l’eccezione dei voli per Roma e Tirana. Una débâcle ed una ritirata che, seppur improvvise, non sono certo dei fulmini a ciel sereno.

Molti scali hanno da tempo capito che la ex compagnia di bandiera non poteva essere il salvagente al quale aggrapparsi e si sono rivolte ad altre compagnie per portare la concorrenza nel loro aeroporto.

Le altre compagnie, quando si parla di aumentare il numero di passeggeri sono da una parte le major per le destinazioni orientate ad un traffico business o per garantire i transiti verso i principali hub internazionali, e le compagnie low-cost per tutto il resto. Chi l’ha capito ora vive l’addio di Alitalia con meno trepidazione di chi invece, Torino è l’esempio principale, ha preferito puntare sulla ex compagnia di bandiera.

Quando parliamo di rimpiazzare Alitalia con altre compagnie i nomi che gi girano in testa solo sempre gli stessi, Ryanair su tutte, poi easyJet e Vueling. Ma perché nessuna compagnia italiana? Perché le compagnie italiane stanno pian piano scomparendo dai cieli.

Ad oggi abbiamo solo 2 compagnie italiane che operano voli di linea oltre ad Alitalia (tralasciando Air Dolomiti che lavora solo per mamma Lufthansa): Meridiana e Blue panorama. Anch’esse però seguono le orme di Alitalia unendosi alla grande ritirata. La prima però sta anch’essa sforbiciando rotte e si sta sempre più arroccando in Sardegna e a Napoli. La seconda sembra sostanzialmente essersi rintanata in Albania, gestendo i voli tra l’Italia e il paese delle aquile e poco più.

Una grande ritirata insomma per sfuggire alla catastrofe. catastrofe però che, se le cose non cambieranno davvero, pare essere solo rinviata.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*