Incidente ATR-72 Alitalia (operato da Carpatair). Ecco i fatti.

atr
Da questa foto si nota la rottura dei carrelli anteriore e di quello destro e il danneggiamento dell’elica destra.

Quando si scrive di un incidente aereo, non si dovrebbe mai farlo a poche ore dall’accaduto, se non per riportare solo quanto accaduto (o meglio quando si può evincere con certezza che sia accaduto).

Le inchieste che si svolgono per definire le cause di un incidente aereo infatti sono lunghe e complesse, e solo dopo molti mesi di lavoro si può arrivare ad avere sotto mano un report completo. Ovviamente la lunghezza dell’inchiesta dipende da molti fattori, ma una cosa è sicura, a meno 12 ore dall’incidente che ieri ha coinvolto un ATR-72 della Carpatair che operava il volo Pisa-Roma FCO per conto di Alitalia difficilmente possiamo definire con certezza quanto accaduto e perché.

Essere però sul pezzo e dare la notizia (magari drammatizzata) è il lavoro dei giornalisti, molti dei quali di aviazione non capiscono molto e che ciononostante si gettano sulla notizia dandoci già cause e responsabili. Ecco dunque il fiorire in queste ore di articoli in cui si dice tutto e il contrario di tutto.

Dal canto mio qui vorrei riportare i fatti così come li conosciamo oggi, senza entrare in speculazioni sulla bontà o meno della decisione di Alitalia di affidare ad un’altra compagnia straniera alcuni voli (pratica molto diffusa nel mondo dell’aviazione) o sulla presunta poca affidabilità della compagnia scelta (che però per volare nella UE deve rispettare tutti i parametri di sicurezza di tutte le altre compagnie). Per disquisire di questo ci sarà tempo e modo.

Ecco i fatti.

L’ATR coinvolto nell’incidente

Un ATR-72 di Carpatair, YR-ATS, che operava per conto (e con i colori) Alitalia il volo Pisa – Roma Fiumicino (AZ1670) con a bordo 46 passeggeri e 4 membri dell’equipaggio è atterrato alle 19:32 sulla pista 16L dell’aeroporto romano, ma è uscito di pista con conseguente rottura dei carrelli anteriore e destro.

Un passeggero e un’assistente di volo risultano gravemente feriti (codice rosso): il primo riporta la rottura del femore, la seconda una grave lesione alla spina dorsale. Fortunatamente nessuno dei due è in pericolo di vita. Altri 4 passeggeri hanno riportato ferite ma non gravi.

Al momento dell’atterraggio vi era un forte vento traverso ma l’aeromobile non ha potuto utilizzare la pista 25 (che gli avrebbe permesso un atterraggio più sicuro, controvento) perché questa risultava chiusa pr lavori.

Al momento dell’incidente il METAR (bollettino meteo) era il seguente:

LIRF 021920Z 25028G41KT 9999 SCT023 SCT040 11/04 Q0992 WS RWY 16L NOSIG

In parole povere questo bollettino dice che  al momento dell’atterraggio il vento soffiava da direzione 250 (quasi da ovest) con velocità di 28 nodi (52km/h) ma con raffiche a 41 nodi (oltre 75km/h). Ricordiamo qui che l’ATR-72 ha un limite operativo di 35 nodi di vento traverso su pista secca, quindi le condizioni sicuramente difficili al limite dell’operatività.

I passeggeri riportano (e qui passiamo ad una concezione soggettiva dell’avvenimento, da prendere quindi con le molle) che l’aereo avrebbe toccato una prima volta la pista, sarebbe sobbalzato e quindi avrebbe toccato una seconda volta la pista in maniera molto più dura. E’ in questo frangente che si sarebbe rotto il carrello destro del velivolo facendo finire l’ATR fuori pista.

L’aereo risulta inclinato ed è possibile che l’elica destra abbia toccato in parte il terreno, visto che dalle foto sembrerebbe leggermente danneggiata.

Alitalia ha sospeso tutti i voli operati da Carpatair sostituendoli con voli operati direttamente con velivoli propri e ha rilasciato un comunicato stampa che può essere letto qui:

A questo punto si apre il lavoro dell’Agenzia Nazionale per la Sicurezza del Volo (ANSV) che determinerà le cause dell’incidente e le eventuali responsabilità.

Continuate a leggere il nostro blog per essere aggiornati.

Mappa dell'aeroporto di Roma Fiumicino con indicazioni
Mappa dell’aeroporto di Roma Fiumicino con indicazioni

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*