Gatti neri in Afghanistan

AMX italiani in volo sull’Afghanistan (fonte: sito AMI)

Può piacere o meno, si può essere favorevoli o contrari, ma quello che però bisogna sempre tenere a mente  è che in quel paese dell’Asia centrale si sta combattendo una vera  e propria guerra. Oltre 50 soldati italiani morti ce lo ricordano tragicamente e tra le Armi più impegnate c’è proprio l’Aeronautica Militare. A darcene testimonianza è questo comunicato stampa dell’Arma Azzurra che ci documenta quella che è una vera e propria guerra guerreggiata:

“Due velivoli AMX dell’Aeronautica Militare hanno distrutto, con bombe a guida laser, due antenne utilizzate dagli insorti per le comunicazioni radio nella regione occidentale dell’Afghanistan.

Gli analisti della Joint Air Task Force hanno individuato i due apparati, situati nel distretto del Gulistan, circa 130 miglia a sud est di Herat, attraverso l’analisi delle immagini rilevate nel corso di una precedente ricognizione aerea tramite il POD Reccelite (sistema di ricognizione tattica ‘ogni tempo’ montato sugli AMX del Task Group ‘Black Cats’).

L’operazione, che ha portato alla distruzione ‘chirurgica’ dei cinque elementi da cui erano costituiti i due impianti radio, è stata portata a termine con successo grazie al coordinamento con altri assetti nazionali ed internazionali.
Velivoli ‘Predator’ ed EC27J ‘JEDI’  dell’Aeronautica Militare hanno rispettivamente perlustrato la zona per evitare danni collaterali e inibito eventuali attivazioni di ordigni esplosivi, mentre un elicottero Chinook 47 e un Mangusta dell’aviazione dell’Esercito hanno trasportato e scortato il team della Task Force Victor, appartenente al 185 RAO dell’Esercito Italiano, che, da terra, ha diretto l’azione dei cacciabombardieri per garantire una ancor maggiore precisione. Un aereo-cisterna KC 135 statunitense, infine, ha permesso il rifornimento in volo agli AMX.

Gli stessi AMX dell’Aeronautica Militare, schierati ad Herat da oltre tre anni, proprio due giorni prima erano intervenuti nella vicina provincia di Farah fornendo fuoco di copertura in supporto di un convoglio costituito da forze di sicurezza afgane e da militari italiani della Transition Support Unit South attaccato da un gruppo di insorti posizionati in altura.

Il Task Group ‘Black Cats’, dotato di velivoli cacciabombardieri AMX, svolge missioni di ricognizione e di supporto aereo ravvicinato alle forze alleate e afghane sul terreno.
Il Task Group è inquadrato nella Joint Air Task Force dell’Aeronautica Militare di stanza a Herat, che ha il compito di gestire gli assetti di volo assegnati al Comando operativo NATO per l’Afghanistan che operano prevalentemente nella regione occidentale attualmente sotto la responsabilità della Brigata alpina Taurinense.”

Il sito dove si trovavano le antenne colpito dalle bombe sganciate dagli AMX italiani (fonte: sito AM)

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*